sabato 9 giugno 2012

Nel futuro speriamo...

Si è tenuto nei giorni scorsi il Consiglio Comunale nel nostro bel paesello, e dopo tanto tempo diversa gente si è ricordata che si può pure partecipare! Era da tanto infatti che in una seduta del civico consesso non c'erano delle persone ad assistere e soprattutto non c'erano degli interventi esterni all'amministrazione. In effetti i punti all'ordine del giorno erano particolarmente gustosi per non dire importanti, ed allora la nostra amministrazione si è qualificata per decisionismo! Si trattava in particolare di discutere di aliquote Imu e di Irpef. L'attuale maggioranza ha deciso, per chi ancora non lo sapesse, di non intervenire sulle aliquote Imu lasciando invariata la percentuale stabilita dal governo senza quindi far leva sulla possibilità di abbassarla dello 0,2 %. Naturalmente rimane deluso chi si aspettava una riduzione, ma contento chi addirittura pensava ad un aumento!
Per una tariffa che rimane invariata la legge dei grandi numeri, applicata molto spesso nell'amministrazione del nostro Comune, suggerisce un aumento: Ecco allora la sorpresa! L'aliquota Irpef cresce dello 0,2 %.
I nostri amministratori d'altra parte, oculati e attenti al principio dell'equilibrio di bilancio, ogni qualvolta si tratta di regolare i vari flussi sanno sempre come fare! 
Rigore e crescita diceva Monti qualche mese addietro, a Pentone diciamo aumenti e basta. A fronte di questi aumenti infatti dovrebbero corrispondere dei servizi migliori ed invece niente che faccia solo supporre a dei cambiamenti in positivo. Nel prospetto delle opere pubbliche da realizzare però non manca una visione prospettica e fortemente fiduciosa dei nostri amministratori che da qui a qualche anno sperano di poter intervenire seriamente sul contesto strutturale e infrastrutturale del nostro caro paesello.
Allora cari compaesani oggi  paghiamo e nel futuro speriamo...d'altra parte la corsa o per meglio dire la rincorsa ai posti che contano è già da tempo iniziata e noi non possiamo fare altro che aspettare qualche bacchetta magica per cancellare i meno peggio all'orizzonte!

lunedì 4 giugno 2012

LND - La LND cerca giovani diplomati - Sito Nazionale

LND - La LND cerca giovani diplomati - Sito Nazionale

Le aliquote Imu a Pentone

Vivremo a Pentone una settimana molto impegnativa dal punto di vista fiscale e spaziokultura come sempre cercherà di dare puntualmente tutte le informazioni in tempo reale. Da quando infatti il governo Monti ha deciso per l'introduzione dell'Imu, l'imposta municipale Unica, c'è stata molta confusione che non ha fatto altro che contribuire ad alimentare paura e timori vari. Adesso siamo ad un punto di svolta perchè i Comuni hanno tempo fino a settembre per decidere l'aliquota da applicare su quest'imposta. Naturalmente la forbice su cui i comuni sono chiamati a scegliere è già fissata per un massimo ed un minimo dal governo centrale, ma le amministrazioni possono intervenire sull'abitazione principale e le sue pertinenze con facoltà di aumentarla o diminuirla dell'0.2%, e per gli altri immobili,  abbassarla fino allo 0.46% oppure incrementarla fino all'1,06%. Per la prima casa l'aliquota base è dello 0,4 % e in base alla decisione dei vari comuni può andare dallo 0,2 allo 0.6%; per la seconda casa l'aliquota di legge è dello 0,76% e dunque si può variare da un minimo dello 0,46% ad un massimo dell'1,06%. Insomma non ci facciamo ingannare dai numeri perchè la spiegazione è semplice: già l'Imu è una bella mazzata così come l'hanno determinata dal governo centrale, i Comuni però possono intervenire e scegliere se aumentarla o diminuirla. Proprio questo farà la nostra amministrazione che è chiamata a decidere e a dare dei segnali importanti. Da parte mia, visto che su questa scelta c'è il silenzio più assordante, vorrei chiedere ufficialmente ai nostri amministratori di venire incontro alle famiglie che non sopportano più questa pressione scegliendo quindi le aliquote minime e pensando, laddove è possibile a delle esenzioni così come già in altri comuni si è fatto. In tempi bui come lo sono questi che stiamo vivendo un ulteriore peso sulle famiglie non sarebbe giusto e opportuno e i nostri amministratori, pur nelle logiche di cassa che oggi un Comune deve sempre avere in mente, deve assolutamente stare dalla parte dei cittadini. Noi pentonesi però non dobbiamo stare con le mani in mano e mercoledì 6 giugno quando ci sarà un importante consiglio in merito dovremo essere attenti a quanto sarà deciso e oggi più che mai dobbiamo interessarci di ciò che avviene nella Casa Comunale.