sabato 6 ottobre 2012

Le anomale dimissioni del vice sindaco

In qualche altro posto la cronaca politica degli ultimi giorni avrebbe avuto certo una risonanza pazzesca visto l'accavallarsi di avvenimenti quanto meno anomali. A Pentone invece probabilmente diamo il giusto peso a quello che probabilmente tutti sapevamo tranne qualche diretto interessato. Sto parlando fuor di dubbio delle dimissioni del vice sindaco Marcello Mussari: un fatto davvero anomalo sotto molti punti di vista. Come sempre non pretendo di sputare verità assolute, ma cerco di dire la mia. 
Capita quindi che il vice sindaco con tanto di comunicazione scritta, peraltro affissa per il paese, decida di dimettersi, legittimamente o meno non sta a me stabilirlo, ma è interessante o appunto anomalo che si dimetta dall'incarico di vice sindaco!
Cosa significa, potrà obiettarmi qualcuno: semplice che lascia quest'incarico, ma tiene le deleghe di assessore!
Fatto continuo a dire anomalo perchè se tra le motivazioni si evince che "tale nomina ha generato, da parte di alcuni componenti della maggioranza, un continuo tentativo di delegittimazione della carica e di antagonismo..." e se ancora si sottolinea che "soprattutto nell'ultimo anno, per motivi politici, è venuta meno quella condizione di fiducia che dovrebbe contraddistinguere il rapporto tra sindaco e vice sindaco con palese disagio ..."  come si può pensare di dimettersi da vice sindaco e rimanere in carica come assessore? 
Forse l'ormai ex vice sindaco pensava di non sentirsi a disagio all'interno della stessa giunta? e forse ancora riteneva di poter sopportare sadicamente la mancanza di fiducia con il sindaco sempre all'interno della stessa giunta?
Ecco però che tra tutti quanti il più lucido è proprio il Primo Cittadino. Mentre io posso solo sollevare interrogativi sperando che Marcello Mussari ci saprà rispondere con coerenza, il Sindaco prende atto propria della mancanza di fiducia espressa a chiare lettere e non solo accetta le sue dimissioni, ma gli revoca anche le deleghe di assessore con un vero colpo di fantapolitica. Conseguenziale diventa poi la nomina del nuovo vice sindaco nella persona di Daniela Riccelli e del nuovo assessore, Francesco Papalia. Insomma un vero terremoto politico all'interno della maggioranza. La cosa tuttavia non ci sorprende e per questo continuo a parlare di anomalie. Non mi sorprendono le dimissioni di Marcello, la revoca fattagli dal sindaco anche delle altre deleghe, ma permettetemi di sentirmi quanto meno in imbarazzo come cittadino di fronte a queste strane anomalie politiche di cui non comprendo logiche e conseguenze: aspettiamo delle spiegazioni.