giovedì 12 luglio 2012

A rischio chiusura la posta di S.Elia

A rischio l'ufficio Postale di S.Elia: questa tra le  decisioni comunicate da Poste Italiane all'Agcom. Saranno infatti diversi gli uffici postali che saranno interessati da questo provvedimento che mira o alla chiusura o alla razionalizzazione degli stessi. Il piano prevederà inoltre la riduzione dell'orario di apertura per altri uffici e per altri ancora saranno ridotti i giorni di accesso dell'utenza. In discussione proprio in questi giorni la trasformazione dei vecchi sportelli in centri multiservizi con diverse finalità pratiche. L'analisi costi/ ricavi ha suggerito queste soluzioni a Poste Italiane, che pur vagliando caso per caso le varie implicazioni locali, ha deciso di ammortizzare i costi con una serie di tagli che mettono a rischio i servizi localmente distribuiti. In effetti se da una parte ormai siamo consapevoli di vivere in una società in cui prevalgono logiche aziendale sempre più legate ai costi, d'altra parte questo provvedimento colpisce soprattutto chi spesso sotto casa poteva usufruire di un servizio che invece adesso sarà più centralizzato. Mi riferisco in particolar modo a tutti quegli anziani che hanno da anni un rapporto di fiducia con l'ufficiale postale di riferimento o che magari hanno difficoltà a raggiungere gli uffici del centro: soprattutto per loro questo provvdimento risulta essere ingiustificato.
Certamente la qualità dei servizi offerti farà a botte con la quantità, perchè riducendo gli accessi è anche vero che l'utenza aumenterà laddove saranno creati degli uffici centrali per "raccogliere" gli utenti periferici senza più servizi.
Purtroppo la decisione sembra ormai presa, ma quello che si chiede almeno è di non ricorrere alla completa chiusura. A S.Elia per esempio si potrebbe pensare almeno di aprire lo sportello qualche giorno a settimana così da non lasciare quel territorio di importanza fondamentale tra il centro e le periferie presilane senza alcun servizio. Speriamo nel buon senso.