giovedì 7 marzo 2013

Dare un senso

Periodo strano questo. Senza Papa, senza Governo, senza lavoro, senza soldi. Sembra l'età del senza!
Nessuno sembra potersi sottrarre da questa visione del senza, tutti però cercano un'interpretazione a queste circostanze. Chissà perchè il Papa ha rinunciato, chissà se si farà un nuovo governo, chissà quando la nostra economia riprenderà i livelli abituali! C'è veramente tanta carne fuoco, ma al contrario credo che i senza qualcosina la suggeriscano. 
Intanto che ognuno di noi in questo momento particolare della storia è chiamato ad essere responsabile e attento a quello che accade.Vivere queste contingenze significa mettersi in discussione perchè se c'è un lato positivo è proprio questo. Naturalmente discussioni che vanno fatte a tutti i livelli potrebbero dare una nuova vitalità alla nostra società. In effetti la mia convinzione è che niente viene per nuocere e tutto ciò che è accaduto di recente va considerato uno scossone importante che piuttosto che affossare la nostra società le darà slancio. Sarà perchè sono un ottimista per natura, ma credo che senza qualcosa o qualcuno per istinto si cerchi di colmare quella mancanza e dunque mai come adesso lo si può fare mettendosi completamente in gioco. Nel breve periodo abbiamo infatti l'occasione per reagire ad un malessere tangibile che da tanto ci impedisce di vedere la fine del tunnel. Abbiamo però bisogno del coraggio di chi sa che ha di fronte qualcosa di importante; abbiamo bisogno di stare insieme anche nei contrasti per ridare un senso. Appunto ridare un senso alla nostra vita questa la sfida che dobbiamo cogliere e nessuno può sentirsi fuori da questa possibilità!